Ponteggi: la sicurezza del condominio in caso di lavori di ristrutturazione

27 luglio 2017

L’installazione di ponteggi sulla facciata di un condominio, che necessiti lavori di ristrutturazione o manutenzione, rappresenta spesso una fonte di preoccupazione per i condomini che temono l’ipotesi di furti agevolati dalle strutture installate.
Per scongiurare questa ipotesi e tutelare condomini ed impresa, è possibile predisporre una serie di misure di protezione o optare per una soluzione alternativa che permetta, se il caso lo consente, di eseguire i lavori in altro modo.

Come prima misura di sicurezza, da attuare durante il giorno, nel caso di cantieri di grandi dimensioni, dotare di badge di riconoscimento, il personale al lavoro nel cantiere, e predisporre dei tornelli impedisce ad estranei di introdursi abusivamente.
L’installazione di un impianto antintrusione tutelerà l’edificio durante la notte. Il funzionamento dell’impianto dovrà avere caratteristiche specifiche, considerando il luogo in cui si trova che espone ad urti i ponteggi e presenta notevoli ostacoli causati dalla presenza delle attrezzature. Inoltre anche l’attività da parte degli abitanti dello stabile, come gli stessi agenti atmosferici, non dovranno scatenare falsi allarmi.
In alternativa nel caso di cantieri di piccola dimensione potrebbe essere utile programmare il monitoraggio esclusivo di particolari varchi considerati sensibili.
E’ possibile inoltre optare per impianti che prevedano sensori anti-arrampicamento bidirezionali da applicare nella parte esterna dei ponteggi in combinazione con sensori di variazione di peso e vibrazioni.

In alternativa ai ponteggi, nel caso in cui la tipologia di lavori da svolgere lo consenta, un’opzione possibile potrebbe essere rappresentata dall’eseguire i lavori di ristrutturazione avvalendosi di piattaforme aeree autocarrate o di operatori su fune, che non utilizzano impalcature.